Quadri in vendita

Andrea Di Cesare

Articoli su Andrea

I quadri erotici di Andrea Di Cesare di Silvia Petrone - gennaio 2016

“Mi interessa tutto ciò che alla luce del sole non si può vedere. Cerco di riprodurre pittoricamente, con le giuste velature e distorsioni, le scene più vive dell’eros corrente.”
Esaltando gli aspetti del corpo umano che nella vita reale danno godimento, Andrea Di Cesare dà vita ad una produzione erotica “garbata”, mai eccessiva, che rispecchia la sua visione edonistica del piacere.
Non dipingendo ciò che appartiene al senso comune del “Bello”, ma osando forme volutamente eccessive, sono soprattutto le donne ad essere rappresentate nei suoi quadri.
Sempre ritratte in pose educate, mai volgari, mentre ostentano fiere la propria femminilità, celebrano Bellezza e Arte Amatoria, con stile e “buone maniere”. Per intrinseca natura, sono produzioni pittoriche originali, ad uso e consumo di tutti coloro che vivono e amano una sessualità sana e sincera. Già utilizzate per arricchire il living di numerose case private, rappresentano una sorta di nuovo galateo espressivo e visivo dell’Eros.

Viaggio nella pittura di Andrea di Silvia Petrone - gennaio 2016

Sono soprattutto le Persone ad interessare ad Andrea Di Cesare, che nella sua pittura sorvola volutamente sui particolari, per lasciare spazio ad una visione di insieme del corpo e delle sue deformazioni. Lontano dall’iperrealismo (“la pittura non si deve sostituire alla fotografia…”) e utilizzando pochi colori, che tendono a mescolarsi, a “sporcarsi”, i ritratti, i nudi e gli interni rappresentati – pochi paesaggi, quasi tutti del suburbio – descrivono una realtà quotidiana priva di artifizi e di contraffazioni, presentando l’essere umano nella sua intimità più profonda.
Hanno quindi senso i volti di donna e le pose erotiche, i viali di periferia e le alte montagne, dipinti senza quella violenza che fu di Lucian Freud ma con altrettanta – e più genuina – intensità espressiva. Dall’esperienza creativa del close-lieu, in cui anche la madre Vittoria Bianchini prese spunto per la sua rivoluzionaria Arte Terapia al Paolo Pini, nasce e cresce una produzione pittorica “mal-educata”, che non risponde ad alcuna vera regola, e che non si rifà ad un preciso predecessore. “Dipingo la notte, con la luce artificiale, i punti luce li invento, li genero io e poi li interpreto… Avevo iniziato a dipingere da bambino, poi una lunga interruzione e di nuovo col pennello in mano all’età di 40 anni. Non ritraggo nulla che sia fuori dalle mie corde pittoriche, come pittore sono me stesso, e basta”.
Davanti ad una pittura così incentrata sull’individuo, siamo in grado di ritrovare noi stessi e di riconoscere l’animo umano in tutta la sua complessità e bellezza.

Dress code: arredare con stile di Silvia Petrone - novembre 2015

Un riutilizzo creativo di materiali di recupero (cartone, masonite, legno naturale), utilizzati come base dei propri quadri, dà vita alle creazioni artistiche del pittore Andrea Di Cesare. Partendo da abbinamenti cromatici non scontati, dall’uso di tinte acriliche volutamente mischiate e memore dell’esperienza del Close-lieu (stanza chiusa dove si sperimentavano pitture e colori, n.d.a.) rappresenta, per chi vuole arredare la propria casa, una perfetta soluzione abitativa. Non solo semplici espedienti decorativi quindi, ma realizzazioni artistiche nate da una tecnica libera, fuori dagli schemi. Arricchire una parete, disponendo quadri di diversa misura. Alternarne la disposizione nelle stanze, per giocare con cornici e bordi. Illuminare con perizia un ritratto, un nudo, un paesaggio urbano. Sono tutti artifizi decorativi di assoluta originalità.
Attenzione però: Andrea Di Cesare non ritrae nulla che non sia nelle sue “corde pittoriche”, nemmeno nei quadri “su misura”, concentrando un innato gusto per l’arte all’amore per il concetto di living, da lui vissuto, sperimentato ed ampiamente rivisitato, come un provetto designer.

 

Opere di Andrea

per l'acquisto di questi quadri rivolgersi a Silvia Petrone: relestampa@ideabiografica.com - cell: 333 77 19 703

le opere sono visionabili su appuntamento nello studio dell'autore. si richiedono correttezza e puntualità.