Home Amerikana

Amerikana

Hemingway

AMERIKANA è il luogo di un amore e di una separazione. L’amore fu quello di un vecchio europeo Idealista che – durante un dopo cena a “Il Girarrosto” di Corso Venezia con la Fernanda Pivano – decise di tirare lo sciacquone su tutto l’ambaradam europeo e Idealista. <Vede, caro Di Cesare, la differenza tra la cultura europea e quella americana, è quella che corre tra l’Idealismo e il Pragmatismo.> Di Cesare rimase allora senza parole. Ma la Fernanda Pivano proseguì e rincarò la dose: <Se uno scrittore americano, deve dire che Jack doveva passare attraverso una porta stretta, non usa questo aggettivo, "stretta", ma dice, semplicemente: Jack riempì la porta con le sue spalle.> Di Cesare diede alla Pivano – Fernanda – un racconto che la Pivano gli distrusse pubblicamente, e ad alta voce. Il Di Cesare tornò a casa in lacrime; però, un’ora dopo, si mise alla macchina da scrivere, pestando faticosamente i tasti, finché non tirò fuori il suo primo racconto amerikano. Non era un granché, era un’imitazione pedissequa di Hemingway, ma funzionava. Da allora passarono altri ventidue anni, alla fine dei quali la K amerikana gli uscì dalle dita, irrimediabilmente. Era passato, nel frattempo, attraverso Malcolm Lowry, era passato attraverso Julius Evola, e tutto si ribaltò, nuovamente.

Deborah Pellizzari

20 febbraio 2017

©, 2017

UN FALLO DI GOMMA, PER EMOZIONI SURROGATE

UN FALLO DI GOMMA, PER EMOZIONI SURROGATE   Sembra carne, entra nello stesso modo, negli stessi pertugi, il suo sfregamento, procura piacere. Eppure, è un oggetto...

William Styron – Un’oscurità trasparente

William Styron - Un’oscurità trasparente   Il titolo sembra un ossimoro. E non lo è. La depressione è una sindrome mentale che ha in sé proprio...

VITA E MORTE nella lingua e nella letteratura AMERICANA

VITA E MORTE nella lingua e nella letteratura AMERICANA   Siamo abituati a concepire le nostre emozioni, a viverle e ad interpretarle con lo strumento linguistico...

LUIGI SETTEMBRINI – A NEW YORK NON SI MUORE DI VECCHIAIA

LUIGI SETTEMBRINI “A NEW YORK NON SI MUORE DI VECCHIAIA”   Perde forse il Pulitzer per un soffio, ma non passa inosservato ai nostri occhi vigili, questo...

SHOP AMERICA – Midcentury Storefront Design, 1938 – 1950

SHOP AMERICA – Midcentury Storefront Design, 1938 – 1950 Taschen, 2007     Un mondo di vetrine e ingressi di negozi e grandi magazzini, ripresi nello storico gusto...

JAMES PATTERSON – MAXIMUM RIDE – L’esperimento Angel

JAMES PATTERSON “MAXIMUM RIDE – L’esperimento Angel” romanzo - avventura - fantasy NORD, 2006 Lo si potrebbe definire opera new-age? Credo di sì. Ne ha tutti i connotati....

JACK HIRSCHMAN A MILANO – SOGNANDO CALIFORNIA E PACE

Jack Hirschman (New York, 13 dicembre 1933) è un poeta statunitense. È stato professore di inglese alla UCLA di Los Angeles dal 1961. Nel 1966...

ERSKINE CALDWELL

ERSKINE CALDWELL Nato nel 1903 a White Oak (Georgia) e scomparso nel 1987 a Paradise Valley (Arizona), Erskine Caldwell può essere annoverato fra i grandi...

JOYCE CAROL OATES

JOYCE CAROL OATES Joyce Carol Oates è fra le voci più rappresentative della scena letteraria nord americana contemporanea. La sua scrittura, sempre “deferente” al realismo,...

WRIGHT MORRIS

WRIGHT MORRIS Passato in secondo piano per la non eccezionale originalità dei suoi temi, Wright Morris resta certamente uno scrittore di spicco del dopoguerra statunitense,...
- Advertisement -

Latest article

FRIEDRICH GLAUSER – STUDER la MORFINA il MANICOMIO

FRIEDRICH GLAUSER – STUDER la MORFINA il MANICOMIO Risale a circa una trentina d’anni fa la mia lettura delle avventure/disavventure del Sergente Studer, il personaggio...

L’UOMO LUPO

L’UOMO LUPO   A metà di questa osservazione, che sta durando da circa un’ora, l'occasionale osservatore, ex agente di polizia, si dice: “forse sto sbagliando tutto…”. Gli...

ACCOGLIENZA o CONTROLLO e AMMASSO?

ACCOGLIENZA o CONTROLLO e AMMASSO?   L’accoglienza dovrebbe essere uno dei sentimenti e delle disposizioni più naturali ed insite nell’essere umano. Essa fa parte del senso...